Orticaria

Cos’è l’orticaria?

L’orticaria è una malattia dermatologica molto diffusa contraddistinta dalla comparsa di pomfi e prurito su una o più parti del corpo.

A seconda dello stadio e della tipologia di orticaria, le manifestazioni cutanee possono avere colori diversi: si presentano talvolta come rilievi biancastri su una zona arrossata della pelle, altre volte con una tonalità marrone-rossastra, o, in casi specifici, il pomfo può assumere gradazioni giallastre.

I pomfi e il prurito possono comparire giornalmente o con attacchi isolati ricorrenti, e ogni manifestazione può avere una durata variabile in termini di ore.

L’incidenza della malattia è eterogenea: tra gli adulti con un’età compresa tra i 30 e i 50 anni, la popolazione femminile costituisce la fetta più colpita.

Forme di orticaria

L’orticaria costituisce un insieme più ampio formato da 12 condizioni diverse, a loro volta raggruppate in base alle cause scatenanti e al tempo di permanenza del problema:
  • L’orticaria spontanea

    È la forma più diffusa. I sintomi sembrano presentarsi senza un motivo preciso. Quando la durata è inferiore a 6 settimane si parla di forma acuta, se invece il problema persiste per un tempo superiore si parla di orticaria cronica. Riguardo a questo ultimo punto, si distinguono, in base alle cause, le forme autoimmuni (derivanti da sostanze prodotte dal corpo), quelle infettive, e quelle dovute ad intolleranza (causate da ipersensibilità agli additivi contenuti nei cibi, istamina o farmaci).
  • L’orticaria fisica

    Comprende tutte le forme nelle quali i sintomi dipendono da specifiche cause fisiche. Quella più comune è l’orticaria dermografica, seguita dall’orticaria da freddo e da quella solare. Tra le forme rare l'orticaria da pressione, l’orticaria da radiografia e quella da calore.
  • Altre forme

    Scatenate da fattori specifici sono l’orticaria colinergica, l'orticaria indotta da esercizio fisico e anafilassi, l’orticaria acquagenica, e quella da contatto (dovuta al contatto della pelle con determinate sostanze).
  Per l’identificazione della forma di orticaria legata al caso specifico, è opportuno rivolgersi al medico.  

I sintomi

Come anticipato sopra, il principale sintomo dell’orticaria è il pomfo.

Il prurito che lo accompagna può essere tanto fastidioso da influire sulla qualità della vita del paziente.

Quando si presenta di notte, per esempio, i soggetti possono riscontrare problemi nel riposare serenamente.

I punti interessati vengono spesso percepiti come caldi, e i pazienti sostengono di avvertire talvolta anche dolore e una sensazione di bruciore.

Quando la malattia è in corso, ai sintomi sopracitati se ne possono aggiungere altri:
  • Stanchezza
  • Cefalea
  • Dolori articolari e addominali
  • Nausea
  • Malessere generale

A volte l’orticaria viene confusa con l’angioedema perché entrambe caratterizzate dalla comparsa di gonfiori, ma le due malattie sono completamente diverse sia per le cause, che per le modalità di trattamento.

Le cause dell’orticaria

I fattori che causano l’orticaria sono molteplici e possono essere di diversa natura: infettiva, farmacologica, legati ad intolleranze e/o ad allergie, oppure possono dipendere dal contatto della pelle con specifiche sostanze.

Alcune forme di orticaria derivano invece da malattie preesistenti o dall’esposizione del soggetto a particolari agenti di natura fisica.

Le cause possibili comprendono perciò:
  • Farmaci ed additivi di farmaci
  • Alimenti e additivi alimentari
  • Agenti fisici (caldo, freddo, radiazioni solari, pressione)
  • Sostanze chimiche agenti per contatto
  • Agenti biotici
  • Infezioni batteriche, virali, e parassitarie
  • Malattie internistiche e quelle autoimmuni
Tali fattori possono agire isolatamente o in modo aggregato.

Curare l’orticaria

Nel caso in cui siano presenti i sintomi tipici dell’orticaria, è opportuno rivolgersi al dermatologo e/o all’allergologo.

In via generale, le terapie tendono a combattere le cause scatenanti quando queste sono identificabili.

Se questo tipo di approccio non funziona, possono essere assunti, sulla base dell’indicazione del medico, farmaci quali antistaminici e preparati a base di corticosteroidi.

Terapie più specifiche vengono indicate in base alla tipologia di orticaria rilevata, e per questo è necessario contattare uno specialista.

In occasione  della giornata mondiale dell’Orticaria, promossa in Italia da FederASMA e ALLERGIE Onlus, con la sponsorizzazione di Novartis, si è fatto il punto per aumentare la consapevolezza dell’opinione pubblica su questa malattia dermatologica così impattante. “Convivere con l’orticaria cronica”, realizzato dalla Fondazione ISTUD,  è il progetto con cui circa 200...