Ictus e Fibrillazione atriale, screening gratuiti per la campagna “Riprenditi la vita”

Parte la campagna itinerante di sensibilizzazione promossa da A.l.i.Ce Italia Onlus per informare la popolazione sui fattori di rischio della fibrillazione atriale e dell'ictus cerebrale

359

Il 5 Ottobre 2017, i Giardini pubblici Indro Montanelli di Milano hanno ospitato la prima tappa del tour di “Ripenditi la vita”, iniziativa promossa da A.L.I.Ce. Italia Onlus (Associazione per la Lotta all’ictus cerebrale) volta a informare e sensibilizzare la popolazione sull’ictus celebrale, sui fattori di rischio della fibrillazione atriale (FA), e sulle ultime terapie, offrendo ai partecipanti screening gratuiti qualificati.

infermiere esegue screening per la prevenzione dell'ictus

Le iniziative di “Riprenditi la vita”

L’evento è stato concepito in chiave itinerante, e prevede perciò delle giornate, in diverse parti d’Italia, che coinvolgono i medici delle sezioni locali di A.L.I.Ce. Italia Onlus, giovani illustratori, e pubblico.

Per questa prima tappa, la popolazione ha potuto usufruire gratuitamente per tutta la giornata di screening qualificati di pressione arteriosa, fibrillazione atriale, indice di massa corporea e glicemia.

Inoltre, l’iniziativa ha assunto dei toni positivi e vivaci grazie ai giovani ritrattisti che hanno offerto ai visitatori la possibilità di rivivere le proprie passioni “perdute”, raffigurandoli mentre realizzano i propri sogni, ostacolati in passato dalla FA.

artista esegue ritratto a paziente
disegnatore all'opera durante la campagna riprenditi la vita

La Campagna sui fattori di rischio dell’ictus cerebrale

Per le prossime tappe, pazienti, professionisti del mondo medico, e artisti, si incontreranno ancora una volta per rafforzare un messaggio comune: nonostante la fibrillazione atriale, è possibile tornare a fare ciò che si ama.

Il claim “Riprenditi la vita” sottolinea il concept che sta alla base di tutta l’iniziativa realizzata grazie al supporto di Boehringer-Ingelheim: grazie alla prevenzione e alle nuove terapie, gli individui soggetti a fibrillazione atriale possono riprendere in mano la propria vita.

Le attività presentate a Milano verranno riproposte nelle tappe successive del tour di “Riprenditi la vita”, e verranno rese note al pubblico attraverso azioni di comunicazione offline e online.

Da novembre sarà disponibile il sito della campagna, corredato da una gallery fotografica dedicata ai ritratti e da un video documentario, nel quale alcuni pazienti racconteranno la propria storia e le proprie aspirazioni.

 

I Nuovi Anticoagulanti Orali

I vecchi farmaci anticoagulanti utilizzati nelle terapie possono provocare emorragie in seguito ad incidenti o alle operazioni più banali. I nuovi anticoagulanti orali sono molto più sicuri, inoltre la reversibilità della scoagulazione offre al soggetto la possibilità di tornare a svolgere le azioni più semplici con il minimo rischio, regalando maggiore tranquillità anche al caregiver che gli sta vicino.

 

Informarsi aiuta a prevenire l’ictus celebrale

In Italia, circa 1 milione di persone è affetto da fibrillazione atriale, causa del 20% degli ictus celebrali nel nostro paese.

Quando il fenomeno si manifesta in seguito alla fibrillazione, il danno ischemico è molto più forte ed esteso.

La prevenzione può fare la differenza nella vita dei pazienti, considerato anche il fatto che, secondo una stima, circa il 30-40% di pazienti affetti da FA in Italia non riceve un trattamento adeguato nonostante le nuove terapie messe a disposizione.

Resta aggiornato sui prossimi eventi attraverso la pagina Facebook di Federazione A.L.I.Ce Italia Onlus per usufruire di uno screening gratuito: la prevenzione inizia da TE!

Indice dei contenutiLe iniziative di “Riprenditi la vita”La Campagna sui fattori di rischio dell'ictus cerebraleI Nuovi Anticoagulanti Orali Informarsi aiuta a prevenire l’ictus celebraleIl 5 Ottobre 2017, i Giardini pubblici Indro Montanelli di Milano hanno ospitato la prima tappa del tour di “Ripenditi la vita”, iniziativa promossa da A.L.I.Ce. Italia Onlus (Associazione per la Lotta […]